Condividi link via e-mail
Non tutti i campi necessari sono stati riempiti
invia e-mail

Cromatografia liquida

Cromatografia è un termine generico che identifica alcuni metodi fisici dove alcune sostanze sono separate tramite la transizione tra una fase fissa e una mobile.

La HPLC (High-Performance Liquid Chromatography) è il processo di separazione dove un campione liquido transita in una fase stazionaria sotto alta pressione. Sulla base dell'interazione tra le fasi e il campione, si può distinguere se si tratta di cromatografia di assorbimento, cromatografia di partizione, cromatografia di scambio d'ioni, cromatografia di esclusione del volume, e cromatografia di affinità. La cromatografia di assorbimento e di partizione sono i principali processi nell' HPLC, la quale utilizza  particelle con granuli grandi pochi µm; così facendo arriva a innumerevoli piatti o vassoi, ma allo stesso tempo, richiede di superare una contro-pressione elevata durante il trasporto della fase mobile, tramite la sottile colonna di separazione (pochi millimetri di diametro). Tutte le parti devono essere interconnesse senza alcun volume morto, dovunque possibile, e devono avere la pressione stabile (fino a 300 bar).